Copyright

Licenza Creative Commons
20th Century Charlie-It's only a Teenage Wasteland by Doc_Charlie is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

lunedì 20 gennaio 2014

La verità sui cartoni animati

Lo sapete cosa succedeva quando mettevate un bambino/a davanti alla televisione in pieno pomeriggio negli anni '90? Che cosa mai poteva vedere in quella scatola luminosa e chiassosa? I maledetti cartoni giapponesi! Ma tutto sommato al bambino/a piacevano, e ancora oggi li ricorda con nostalgia. Ed io sono fiera di affermare la mia appartenenza a tale generazione. Ma se li guardiamo adesso scopriamo cose che allora non sapevamo e che eravamo troppo piccoli per capire. Sfido chiunque a dirmi che ho torto! La verità è che l'unica cosa che ci rimaneva in testa era la sigla della beata Cristina D'Avena (o del Cristino D'Aveno Giorgio Vanni se siete un pò più giovani)...e il cartone? Mah ogni tanto si vedeva una mutanda, ma perchè? A noi non interessava, basta che ci fosse un eroe da ammirare e da imitare. Ebbene, ecco la verità sui cartoni animati che noi bambini degli anni '90 guardavamo in tv! Ci tengo a precisare che alcune "perle" non sono mie. Invito tutti voi a mandarmi le vostre perle di saggezza, per arricchire questo elenco. Detto ciò, mettetevi comodi!



Sailor Moon ci ha insegnato che bisogna essere fighi anche quando devi combattere contro i mostri. E che devi avere i tacchi.

Milord era un fottutissimo pakistano, che vendeva rose alle guerriere sailor: questo spiega perchè aveva la maschera...non voleva farsi riconoscere!

Sailor Moon aveva degli stivali da puttanone, Sailor Mars era cazzutissima con le sue scarpe decoltè tacco 12, Sailor Venus invece aveva quelle scarpe sfigate da ballerina che si slacciavano sempre.


La Shin Vision comprò i diritti di Sailor Moon per fare un ridoppiaggio più fedele all'originale, ma l'autrice bloccò o diritti poco dopo e la Shin Vision fallì.

Su internet si può trovare il primo film di Sailor Moon con il doppiaggio dells Shin Vision (se lo trovate guardatelo...c'è una differenza abissale con il doppiaggio Mediaset!).

Pollon era un pusher, con quella sua polverina bianca.

Apollo portava in giro il sole (che sorrideva sempre) in carriola.

I personaggi di Pollon avevano pessimi parrucchieri, a parte Apollo che andava da Jean Louis David.


Pollon viene trasmesso adesso su Boing, ma alle 10 di sera (indovinate chi mai lo potrebbe guardare a quell'ora?)

Lady Gaga ha rubato il look a Jem e le Holograms.

La tizia di "Quelli di Beverly Hills" era poraccia inside...ma non nel portafoglio!


Nessuno ha mai trovato Carmen Sandiego.

Fujiko (o Margot) portava l'ottava di reggiseno...questo spiega il costante arrapamento di Lupin.

Lupin girava in 500 perchè l'autore, quando viveva in Italia, aveva una 500.

La sigaretta di Jigen non era ne accesa ne spenta, stava lì per bellezza.

La sigaretta di Jigen era storta.

Il personaggio di Spike Spiegel di Cowboy Bebop è ispirato a Lupin e a Jigen

In Spagna la sigla di Lupin è stata usata per fare la sigla di Holly e Benji (il trauma!).

Il caro signor Hayao Miyazaki è l'autore di una serie di cult intramontabili dell'animazione: Lupin, Conan il ragazzo del futuro e Heidi.

La Fininvest ha venduto i diritti d'autore di alcune sigle italiane all'estero (maledettiiiii!!!).

Heidi era sempre fatta dura, Peter era un segaiolo e le uniche tette che riusciva a toccare erano quelle delle capre che mungeva.

I Mini Pony avevano le stelline sul culo...e le alette kawai.

I capelli di Mirko dei Beehive erano rossi sulla frangia per un tentativo di 69 fallito con Licia in pieno ciclo.

Lady Oscar era lesbica (ma questo ormai si sapeva da un pezzo).

I vestiti di Maria Antonietta sfidavano tutte le leggi della sartoria e del cucito.

Maria Antonietta si poteva permettere un parrucchiere che le faceva i boccoli tutti i giorni (Sta stronza!).

I personaggi che piangevano sdraiati sul divano...piangevano in orizzontale!

Gerogie era una escort.

Dodò è morto.

Il campo di calcio di Holly e Benji era lungo 10 chilometri (ma questo già lo sapevamo).

Quando Holly calciava il pallone, questo si schiacciava fino ad assumere una forma lineare e/o ovale, a seconda della potenza del tiro.

I tiri di Holly e compagni sfidavano le leggi della fisica.

In Holly e Benji anche la nazionale giapponese poteva vincere i mondiali di calcio (Tributo ai mitici Gem Boy!).

Nei cartoni nessuno dei personaggi cambiava mai pettinatura, nonostante passasse il tempo, e tutti avevano gli stessi vestiti (a parte qualche rara eccezione).

Cartoni americani come Papà gambalunga e Scuola di polizia sono stati tratti da film. 

Nella versione originale di Dragon Ball Goku, Gohan e Goten erano doppiati tutti e tre da una donna.

I Saiyan si facevano la permanente.

Piccolo era verde perchè aveva mangiato troppi piselli da bambino.

Crilin era il figlio segreto di Lord Voldemort.

Goku urlava come un pazzo durante le trasformazioni perchè soffriva di emorroidi.

Dragon Ball va in onda in televisione initerrottamente dalla fine degli anni '90.

In Giappone è stata creata una nuova serie chiamata Dragon Ball Kai (una specie di Dragon Ball Z rivisitato), ma la Mediaset non l'ha voluta comprare.

Lamù comprò il suo completino leopardato ai saldi di Intimissimi.

Goldrake, Daitarn III, Mazinga eccetera erano tutti Megazord dei Power Rangers.

Ufo Robot, che mangiava l'insalata di matematica, era vegano.

I Power Rangers, con quelle tutine attillate, erano ballerini di fila della Royal Ballet School.

Il maestro Splinter è stato allenato da Yoda e Kenshiro.

Le tartarughe ninja erano fighissime (e questo è un fatto indiscusso!).

I doppiaggi della Mediaset snaturavano le storie di certi cartoni.

La Mediaset proponeva a bambini cartoni per adolescenti.

La Mediaset ha censurato/tagliato praticamente TUTTI i cartoni che ha trasmesso, anche per le ragioni più stupide (poi uno non si deva incazzare...).

A noi non ce ne fregava niente...tanto non distinguevamo una tetta da un sedere.

Nell'era di internet e dei computer superpotenti, dove ogni cartone/film/qualsiasi-altra-cosa ha effetti speciali fatti con la computer graphics, gli autori di anime giapponesi fanno ancora larghissimo uso di disegni fatti a mano.



E questo è quanto...alla fine quei cartoni li abbiamo adorati e li ricordiamo sempre con un velo di tristezza. Se li confrontiamo con i cartoni che propinano oggi ai bambini non sappiamo se ridere o piangere...i nostri erano molto meglio! 
Alla fine...abbiamo avuto una bella infanzia!

Dedicato agli eterni bambini degli anno '80 e '90

0 commenti: