Copyright

Licenza Creative Commons
20th Century Charlie-It's only a Teenage Wasteland by Doc_Charlie is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

martedì 29 maggio 2012

Puoi spezzare la nostra terra, ma non il nostro coraggio!

Questo non è un post con una recensione, una lagna o chissà che altro. Questo è un grido di aiuto per tutti coloro che stanno vivendo questi ultimi giorni di terremoto con il terrore, per quei poveri sfollati che non hanno più una casa, per chi ha perso la vita. Non ho mai nascosto a nessuno di essere bolognese, senza mai vergognarmene. Ho tanti cari amici qui, e anche nelle zone più colpite dal terremoto. Ed è in situazioni di questo genere che non posso starmene con le mani in mano...io qui ci vivo, porca miseria!

Cercate di diffondere il più possibili queste informazioni che scriverò di seguito. Per favore...è importante!

ELENCO degli ALLOGGI messi a disposizione finora:


(Aggiornamento 8/03/13: Per motivi di privacy ho cancellato i numeri di telefono)


BOLOGNA:
punto di raccolta per sfollati via Turati 25/b _ info

Residence Casa Temporanea (BO) offre alloggi gratuiti agli sfollati del terremoto in Emilia, tel

Fattoria i Piani _ Via Merlino 1025, Savigno (BO) tel  disponibile ad ospitare roulotte

Don Alberto _ Via Funo 14, Argelato (BO) tel

RAVENNA:
Hotel Diana _ Via Girolamo Rossi 47 Ravenna tel
Holiday Inn _ Via Enrico Mattei 25 Ravenna tel
Hotel Commodore _ Via Lungomare Deledda 126 Cervia (RA) tel
Hotel Perla Verde _ Viale 2 Giugno 144 Milano Marittima (RA) tel
Hotel President _ Via Irpinia 16 Cervia (RA) tel

S.AGOSTINO (RA):
Palazzetto dello Sport allestito dalla Protezione Civile

FINALE EMILIA (MO):
Palestra Istituto Morandi 200 posti letto

CAMPAGNOLA EMILIA (RE):
Hotel Sporting _ Via Girolamo Fontanesi 2 tel 


FERRARA:
Hotel Astra _ Viale Cavour 55 tel

Per offrire disponibilità di STRUTTURE:
Carabinieri di Finale Emilia tel

Vigili Mirandola tel

Municipale di Finale Emilia tel 


Se avete alberghi, B&B, case private e avete posti letto da mettere a disposizione segnalatelo a: turismoemiliaromagna@gmail.com

Qui di seguito i numeri verdi da contattare in caso di emergenza:

FERRARA:
MODENA:
MIRANDOLA:
SAN FELICE SUL PANARO:
CENTO:


Ultimo, ma non meno importante, vi segnalo una petizione online creata dal Popolo Viola. Invece di spendere non so quanti miliardi per la parata militare del 2 giugno, date questi miliardi a noi terremotati. La petizione la trovate QUI

Dateci una mano perchè siamo in ginocchio!

venerdì 25 maggio 2012

Situazioni paradossali (1)

Quando mi capitano cose del genere mi viene sempre da pensare: ma la gente ci fa o ci è? Probabile che il mio senso della realtà sia un pò alterato, mi piace rifugiarmi nel mio mondo quando vedo che la realtà fa schifo. Però sono situazioni abbastanza rare che mi portano a questi estremi rimedi. 
Ma ci sono delle volte in cui vorrei ficcare la testa nella sabbia come uno struzzo e uscirne soltanto quando non ho più nessuno attorno a me. Oggi mi è capitata una di queste situazioni paradossali, che non ha fatto altro che peggiorare ulteriormente la mia fiducia nell'umanità, che di per sé è già ad un livello -0.

Dal tabaccaio: entro, c'è un tizio davanti a me. C'è sempre gente lì, perlopiù vecchietti che si sputtanano tutta la loro pensione con i gratta-e-vinci/enalotto/sanculotto/santa-polenta/gran-miliardario-culone eccetera. Il tizio davanti a me non fa eccezione, ovviamente. Non era un ragazzotto della mia età, di quelli vestiti da straccioni, con i jeans stracciati, le scarpe da tennis e una maglietta di Angry Birds. Era ben vestito: pantaloni eleganti, camicia, cravatta, capelli ben curati e profumo di dopobarba. Uno che potrebbe quasi passare per insospettabile, insomma. 
Lui paga, si gira, a momenti mi sbatte contro. Momento imbarazzante in cui mi guarda negli occhi, senza neanche chiedermi scusa per avermi quasi investita. Poi, il momento culminante. Mi mette una mano sulla spalla e mi dice "in bocca al lupo". Segue un altro momento imbarazzante in cui rimango lì ferma, soldi per le sigarette in mano e un espressione indecifrabile in volto. Alzo gli occhi, guardo M. il tabaccaio e lui mi dice: "Ma parlava a me o a te?", "Boh?" rispondo io, "In situazioni del genere te annuisci e vedrai che non sbaglierai mai" la mia solita frase ad effetto, in questo caso ci stava. M. mi guarda e mi fa "Hai ragione!". Trollface da parte mia. Mi avvicino al banco, prendo le sigarette e me ne vado al bar a prendere un caffè e a leggere il giornale, come i vecchietti. 

Ho perso fiducia nell'umanità...ora il livello è sceso a -1.
Che amarezza!